Categorie
Non categorizzato

Servizi di assistenza psicologica e medica: arriveranno altre risorse?

Cerca nel sito

Nel periodo di emergenza sono state stanziate risorse anche per l’attivazione di servizi di assistenza psicologica e medica nelle scuole.

Una prima tranche di finanziamento, per il periodo settembre-dicembre 2020, per un totale di 1.600 euro, è stata erogata con nota 23702 del 30/09/2020, alla quale avrebbe dovuto aggiungersi un’ulteriore quota di 3.200 euro per il periodo gennaio-giugno 2021, erogata solo a quelle scuole che avessero regolarmente attivato il servizio e risposto ad apposito monitoraggio.

In proposito, riportiamo la paq 373 pubblicata nell’Help Desk Amministrativo Contabile:

F000373 – É ancora possibile utilizzare la risorsa di 1.600 euro assegnata per il periodo settembre-dicembre 2020 (cfr. nota prot. n. 23072/2020) e destinata a servizi di assistenza psicologica e medico-specialistica? È possibile utilizzare le risorse ex art. 31, comma 1, D.L. 41/2021 per finanziare il servizio di supporto psicologico attivato dalla scuola? Sono previsti ulteriori finanziamenti per tale finalità?

In merito ai quesiti posti, si rappresenta quanto segue:

  • i 1.600 euro destinati al servizio di supporto psicologico (assegnati con nota prot. n. 23072/2020), qualora non utilizzati nel periodo settembre-dicembre 2020, potranno essere impiegati, per le medesime finalità, nel corso del 2021. In particolare, si ricorda che:
  1. tali risorse sono state assegnate con l’obiettivo di fornire assistenza medica/psicologica agli alunni ed al personale;
  2. qualora le scuole abbiano già attivato servizi di supporto psicologico con risorse proprie, detti fondi possono essere utilizzati per l’integrazione ed il potenziamento dei servizi medesimi oppure, nel caso non ricorra la necessità del potenziamento del servizio, possono essere utilizzati per ulteriori servizi di assistenza medico-specialistica (es. il medico competente);
  • le risorse ex art. 31, comma 1, D.L. 41/2021, assegnati con nota prot. n. 7697/2021, possono essere utilizzate per:
  1. la prosecuzione del servizio di supporto psicologico nel periodo gennaio-giugno 2021 previsto nella nota n. 23072/2020. Si precisa che per la prosecuzione di tali attività non sono previsti ulteriori stanziamenti;
  2. l’attivazione del servizio di supporto psicologico (a prescindere che la scuola abbia attivato o meno tale servizio nel periodo settembre-dicembre 2020), ovvero per una delle finalità di cui all’art. 31, comma 1, lettere a), b), c) e d) (per maggiori dettagli si rimanda alle indicazioni fornite nella nota prot. n. 453/2021);
  3. si ricorda che tutte le risorse ex art. 31, comma 1 D.L. 41/2021, a prescindere dalle finalità di utilizzo delle medesime, ai sensi del comma 3 del medesimo articolo andranno restituite qualora non utilizzate entro il 31 dicembre 2021.

Da quanto sopra emerge dunque che non saranno previsti ulteriori finanziamenti e che la quota di 3.200 euro prevista per il periodo gennaio-giugno 2021 sia compresa negli stanziamenti del DL Sostegni e comunicati alle scuole con nota 453 del 31/03/2021.

Il che sembra contrastare con il contenuto della nota 171 del 4/02/2021, precedente al DL Sostegni, che così prevedeva: “Le istituzioni scolastiche che hanno completato correttamente l’invio della documentazione (ovvero che hanno caricato ed inviato in piattaforma l’istanza firmata digitalmente dal Dirigente Scolastico) possono procedere con la prosecuzione del servizio per il periodo gennaio-giugno 2021, così come già previsto nella nota integrativa al programma annuale”. Dunque, il Ministero aveva autorizzato la prosecuzione dei servizi senza la necessaria copertura finanziaria?

 


 

Fonte: Sinergie di Scuola | pubblicato in data