Categorie
News FLCGIL – SCUOLA News RSS

Somministrazione vaccino anti-covid docenti e ATA. Assenze e permessi dal lavoro

Cerca nel sito

Al personale della scuola sono riconosciute tutele più estese, rispetto ad altri comparti, per coprire la mancata prestazione lavorativa nella giornata di somministrazione del vaccino contro il COVID-19; a tali tutele occorre riferirsi anche per la campagna di terza dose riguardante coloro che hanno completato il ciclo precedente.

I vigenti istituti contrattuali già previsti dal CCNL offrono diverse opportunità di adattamento alle esigenze di servizio e personali di docenti e ATA ma, in particolare, un provvedimento più avanzato fortemente richiesto dalla FLC CGIL ha trovato applicazione nel DL 41/2021 convertito in Legge 69/2021, all’art.31 comma 5:

L’assenza  dal  lavoro  del   personale   docente,   educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario delle istituzioni scolastiche ed educative statali e comunali paritarie e del sistema integrato di educazione e di istruzione (…) per la somministrazione del vaccino contro il COVID-19 e’ giustificata. La predetta  assenza  non determina  alcuna  decurtazione  del   trattamento   economico,   ne’ fondamentale ne’ accessorio.

Tutto ciò determina la possibilità di fruire di una giornata di assenza dal servizio per il/la lavoratore/trice che si sottopone alla profilassi vaccinale anti Covid, senza che questo comporti riduzione o trattenuta sullo stipendio. Eventuali complicanze da postumi, invece, sono soggette al regime ordinario della malattia.

La posizione è stata ulteriormente chiarita, nello scorso luglio, da un parere del Dipartimento della Funzione Pubblica.

Per quanto riguarda le funzioni SIDI, il ministero ha predisposto l’utilizzo dei codici PE14 – Personale a tempo indeterminato e PN13 – Personale a tempo determinato, in attuazione della norma per questa specifica tipologia di assenza.

 


 

Fonte: FLCGIL - SCUOLA | pubblicato in data