Categorie
News RSS News Orizzonte scuola – ATA

Proroga organico Covid anno 2022. Budget inadeguato in alcune scuole

Cerca nel sito

Il Miur con la Nota 1376 del 28 dicembre 2021 ha disposto la proroga dei contratti COVID sottoscritti ai sensi dell’art. 58, comma 4-ter, del D.L. 73/2021.

Il budget destinato al rinnovo dei contratti dell’organico COVID desta preoccupazione nelle scuole in provincia di Milano, il Miur ha disposto importi insufficienti per adempiere alle proroghe con scadenza 31 marzo 2022.

Sono numerose infatti le istituzioni scolastiche che hanno accertato l’impossibilità di applicare le disposizioni della nota succitata col risultato che molte proroghe terminano prima del 31 marzo 2022, questo riguarda in modo particolare i contratti dei collaboratori scolastici.

Gli importi attribuiti alle scuole non sono sufficienti.

Il Miur ha messo a disposizione delle singole scuole per prorogare i contratti covid un budget pari alla spesa già sostenuta da settembre 2021 al 30 dicembre 2021, per molte scuole tale importo risulta inferiore al fabbisogno utile alle proroghe di tutti i posti in organico.

Come ogni inizio d’anno, gli uffici scolastici procedono alle nomine a tempo indeterminato dalle graduatorie provinciali dei 24 mesi, fino a scorrimento di tutti gli aspiranti in graduatoria, dopo le immissioni in ruolo e le nomine annuali, eventuali posti residui sono restituiti ai dirigenti scolastici e questi possono essere coperti dagli aspiranti iscritti nelle graduatorie di circolo
e d’istituto.

Le scuole procedono con priorità alla copertura dei posti annuali residui disponibili per contratti al 30 giugno o al 31 agosto.

Le nomine annuali sono sempre le preferite e le più ambite da parte degli aspiranti supplenti, è naturale che le supplenze brevi, o i posti covid siano stati scelti per ultimi dai convocati.

I tempi necessari agli adempimenti relativi alle convocazioni per le nomine annuali, hanno provocato ritardi nelle assunzioni sui posti covid.

Le operazioni di nomina sull’organico covid si sono perfezionate in tante scuole dopo alcuni mesi dall’inizio dell’anno scolastico, in molti casi sono andate avanti fino a novembre e anche fino ai primi giorni di dicembre, diversi posti sono rimasti scoperti alla data di pubblicazione della nota del 28 dicembre 2022.

Il ritardo delle assunzioni sui posti covid ha fatto sì che gli importi già utilizzati dalle scuole risultassero molto esigui, e sono proprio le somme spese sostenute da settembre a dicembre 2021 a costituire il budget reso disponibile alle scuole per procedere alle proroghe di tutto il personale in servizio al 31 marzo e/o anche alla copertura di eventuali posti che si sono resi disponibili in seguito a rinunce o che non erano ancora stati coperti.

Le istituzioni scolastiche si sono pertanto trovate davanti alla scelta di procedere a proroghe più brevi, oppure a dover scegliere tra il personale assunto e proporre la proroga solo a una parte del personale covid, rinunciando ad alcune unità di personale in servizio.

Tale situazione ha creato non pochi problemi visto il momento difficile che vivono le scuole, a causa delle aumentate esigenze di pulizia, di igienizzazione, di sanificazione, di controlli del green pass, dovute alla pandemia, soprattutto perché, tale inconveniente si evidenzia in modo particolare per il personale Ata collaboratore scolastico, non è questo il periodo giusto né per la riduzione di personale né per la stipula di contratti con scadenza anticipata.

Sono tanti i lavoratori che nonostante tutto sono rimasti in servizio ma che rimangono in attesa di una risposta e vorrebbero rassicurazioni in merito al termine dei loro contratti anche per valutare eventuali altre proposte lavorative e soprattutto perché non devono correre il rischio di non vedere retribuito il loro lavoro proprio a causa del budget insufficiente.

Il Miur deve urgentemente incrementare il budget così da poter procedere alla copertura di quei posti residui che ancora oggi sono rimasti inoccupati e perfezionare i contratti in essere portandoli al termine del 31 marzo 2022.

La segnalazione di ANQUAP Milano

Supplenze Covid, allerta per rischio licenziamento prima di marzo. Il nodo del budget a disposizione

 


 

Fonte: Orizzonte scuola - ATA | pubblicato in data