Categorie
News News RSS Tutto Scuola

Lo strano sciopero di venerdì prossimo

Cerca nel sito

Da alcune settimane si sapeva del nuovo sciopero della scuola per l’intera giornata di venerdì prossimo, 25 marzo, proclamato il 1° febbraio scorso dal Sisa, a cui si era aggiunto il 28 febbraio quello dell’Anief. Ma nessuno poteva prevedere che, a dare maggior rilevanza a quell’astensione, scendesse in campo, quasi all’ultimo momento (l’11 marzo), la Flc-Cgil. Si potrebbe pensare che vi sia stata, se pur implicitamente, concordanza sulle motivazioni dello sciopero, ma non è stato così.

Mentre il Sisa ha portato, come altre volte, ragioni estreme per motivare lo sciopero (es. dirigente scolastico elettivo, assunzione in ruolo di tutti i docenti precari, aumento del 20% degli stipendi), l’Anief ha cavalcato le sue più recenti rivendicazioni (abolizione dell’obbligo vaccinale per i docenti e del green verde da esibire, superamento delle classi pollaio, stabilizzazione organico covid, stabilizzazione dei precari, superamento del vincolo permanenza in sede).

La sorpresa, tuttavia è venuta dalla Flc-Cgil che, con una scelta unilaterale rispetto agli altri sindacati confederali – non è da oggi che l’unità tra Cgil-Cisl e Uil nella scuola è stata messa all’angolo – ha assunto una propria inaspettata iniziativa. Un ulteriore strappo nella attuale precaria unità confederale.

Le motivazioni sembrano discostarsi dalle tradizionali ragioni contrattuali. Infatti, la principale motivazione dello sciopero è quella di aderire all’“appello di Fridays For Future Italia che denuncia la crisi climatica cui rischiamo di assistere inermi e proclama per il 25 lo sciopero globale per il clima”.

Ma la proclamazione di sciopero tiene conto anche, in particolare, del “drammatico contesto internazionale di guerra e crisi energetica che richiede azioni rivolte alla costruzione di un modello di sviluppo ecologicamente e socialmente sostenibile”.

Pur trattandosi di motivazioni più che rispettabili, c’è da chiedersi se il modo migliore per valorizzarle e sostenerle doveva essere proprio lo sciopero scuola che, tra l’altro, può portare un disagio non indifferente agli alunni e alle famiglie.

Chissà se ci sarà qualche contraccolpo sulle imminenti elezioni per le RSU.

 


 

Fonte: Tutto Scuola | pubblicato in data