Categorie
News ANQUAP

INTERVENTI URGENTI SU DSGA, PER RECLUTAMENTO E INDENNITA’ MENSILE

Cerca nel sito

Al Ministro dell’Istruzione

On.le Lucia AZZOLINA

 

Al Ministero dell’Istruzione

Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Dott. Marco BRUSCHI

 

Capo Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali

Dott.ssa Giovanna BODA

 

Direttore Generale per il Personale Scolastico

Dott. Filippo SERRA

 

Direttore Generale per le Risorse Umane e Finanziarie

Dott. Jacopo GRECO

 

Oggetto: interventi urgenti su DSGA, per reclutamento e indennità mensile.

 

Sig. Ministro e Sigg. Dirigenti Ministeriali,

mi permetto segnalare l’esigenza di interventi urgenti concernenti il reclutamento e l’indennità mensile dei Direttori SGA delle istituzioni scolastiche ed educative.

 

In tema di reclutamento risulta necessario dare attuazione all’art. 32 ter commi 3 e 4 del D.L. 104/2020 convertito in Legge 126/2020 riguardante la presentazione di istanze degli idonei al concorso in una o più regioni, nonché la fissazione di termini, modalità e procedure per le relative immissioni in ruolo.

È necessario, altresì, attuare quanto previsto dal comma 5 dello stesso articolo di legge per dare continuità alle procedure concorsuali della categoria professionale in parola; procedure indispensabili per la copertura di migliaia di posti che si renderanno vacanti e disponibili dal primo settembre 2021 e dal primo settembre 2022, anche dopo l’assunzione a tempo indeterminato di tutti gli idonei del concorso di cui al D.M. 863/2018.

 

Per quanto attiene il pagamento dell’indennità mensile ai DSGA che hanno lavorato e stanno lavorando in una seconda scuola sottodimensionata, sollecito l’adempimento espressamente previsto da una legge e ben due CCNL (10/11/2014 e 19/4/2018) poiché gli aventi titolo (368 unità nell’a.s. 2019/2020 e 398 unità nel corrente anno scolastico) non sono stati e non vengono retribuiti, in aperta violazione del sinallagma esistente tra prestazione e retribuzione.

Nel corso del secondo semestre del 2020, con un ritardo di oltre cinque anni, sono state finalmente retribuite le prestazioni del periodo ricompreso tra l’a.s. 2014/2015 e l’a.s. 2018/2019

 

Sempre nel corso del 2020 due sentenze dei Tribunali del Lavoro di Milano e Roma – intervenuti su ricorso dell’Anquap e di DSGA direttamente coinvolti – hanno riconosciuto il diritto retributivo dei prestatori, condannato il Ministero alle spese legali e stabilito che in assenza di retribuzione è legittima la sospensione della prestazione.

 

In ragione di quanto esposto e motivato, con espressi e puntuali riferimenti normativi, confido nell’azione conseguente del Ministro e degli Uffici del Ministero e resto in attesa di cortese riscontro.

 

Distinti saluti

Lì, 08.01.2021

IL PRESIDENTE

Giorgio Germani

 


 

Articolo pubblicato da ANQUAP il