Categorie
News DSGA Online News RSS

Gli importi per reddito da lavoro autonomo su cui si applica la ritenuta erariale

Cerca nel sito

Ci vengono segnalate delle “incomprensioni” nella fase di liquidazione dei compensi spettanti ad esperti esterni, lavoratori autonomi prestatori occasionali, ad esempio pensionati, e sottoposti alla Gestione Separata Inps, avendo superato la fascia di esenzione di 5.000 euro.

La determinazione della base imponibile soggetta a ritenuta segue specifiche regole, determinate a partire dal d.P.R. 22.12.1986, n. 917 TUIR:
art. 3 – Base imponibile – 1. L’imposta si applica sul reddito complessivo del soggetto, formato per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto degli oneri deducibili indicati nell’articolo 10 e per i non residenti soltanto da quelli prodotti nel territorio dello Stato. art. 10 – Oneri deducibili – “1. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, i seguenti oneri sostenuti dal contribuente:” “e) i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, nonché quelli versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza”. art. 71 – Altri redditi – “2. I redditi di cui alle lettere h), i) e l) del comma 1 dell’articolo 67 sono costituiti dalla differenza tra l’ammontare percepito nel periodo di imposta e le spese specificamente inerenti alla loro produzione.”

Nel caso specifico rientrano nella base imponibile i compensi professionali pattuiti e precisati nel contratto, mentre non concorrono alla formazione della base imponibile i contributi previdenziali/assistenziali, in questo caso della Gestione Sperata, previsti dalla legge (art.2 commi dal 26 al 32 legge 335/1995).

Pertanto, dall’imponibile lordo del compenso, così come indicato nel contratto, al lavoratore autonomo si sottrae l’ 8% per il contributo alla Gestione Separata, per la parte a carico del lavoratore autonomo stesso. Il rimanente 16% è a carico dei costi della scuola.

Sull’importo così determinato si sottrae l’ulteriore 20% per la ritenuta d’acconto. Inoltre, come già ribadito in una precedente new, è errato sottrarre l’IRAP dal compenso al lavoratore autonomo, ma l’8,50% dell’ Irap è a carico dei costi della scuola.

 


 

Fonte: DSGA Online | pubblicato in data