Categorie
News News RSS Universo Scuola

Fondi PNRR per la scuola: le linee guida generali e il focus su palestre e strutture sportive

Cerca nel sito

Cominciano a muoversi gli ingranaggi del PNRR per quanto riguarda l’ambito dell’istruzione e il rinnovamento degli edifici scolastici. Il Ministero dell’Istruzione ha infatti pubblicato il bando di concorso per la progettazione di 212 nuove scuole. Si tratta di un intervento che non ha precedenti nella storia italiana, per i fondi previsti e i soggetti coinvolti. L’obiettivo del progetto è quello di rinnovare le strutture scolastiche e realizzare nuove strutture in modo moderno e innovativo.

Nello specifico, di grande importanza risultano:

  • le linee guida sulla scuola a tutto tondo;
  • i progetti riguardanti lo sport e le palestre.

PNRR e nuove scuole: le due fasi previste dalle linee guida

Le linee guida del nuovo bando pubblicato dal Ministero dell’Istruzione sono state sviluppate da architetti come Renzo Piano e Stefano Boeri. Il gruppo di lavoro ha previsto due fasi.

La prima riguarda l’elaborazione delle proposte ideative per le aree già individuate, con le commissioni che sceglieranno per ciascuna area le migliori cinque proposte. La tempistica prevista è quella di inizio agosto 2022, massimo entro il 5.

La seconda fase invece riguarda la realizzazione di progetti di fattibilità tecnica ed economica, con una scadenza a fine ottobre.

Tuttavia, la costruzione delle nuove scuole innovative è soltanto una delle linee di investimento prevista dal PNRR per la scuola. Le altre fanno riferimento:

  • ad asili nido e scuole per l’infanzia;
  • alle mense;
  • alla messa in sicurezza;
  • a Scuola 4.0;
  • a palestre e strutture per lo sport.

Il focus sulle palestre e le strutture per lo sport

Se per tutti i progetti riguardanti la scuola il PNRR ha previsto 12,1 miliardi di euro e per la costruzione delle nuove scuole circa 800 milioni, nel caso delle palestre il finanziamento è di 300 milioni di euro, che comprendono:

  • nuove costruzioni;
  • efficientamento delle costruzioni esistenti;
  • acquisto di nuove attrezzature.

L’obiettivo del bando è quindi di aumentare la disponibilità delle palestre e degli impianti sportivi in genere. Come accennato, non si dovrà procedere soltanto a nuove costruzioni ma anche alla messa in sicurezza e alla ristrutturazione di palestre e aree sportive già esistenti.

Gli interventi sulle palestre finanziati dal PNRR andranno ad agire su due ambiti diversi ma complementari. Da una parte, si potrà pensare all’ampliamento dell’offerta didattica complessiva, che consentirà di prevedere ulteriori attività pomeridiane. Dall’altra parte, invece, sarà possibile aumentare la diffusione delle strutture sportive sul territorio.

Secondo i dati Openpolis, i costi previsti per le diverse opere sono:

  • circa 2000 euro al metro quadro per la costruzione di una nuova palestra;
  • circa 600 euro al metro quadro per la messa in sicurezza delle palestre esistenti;
  • circa 50 mila euro per l’acquisto di nuove attrezzature.

Fra nuove costruzioni e ristrutturazioni, da qui al 2026 si potrà agire su circa 400 palestre.

Palestre e strutture sportive: la situazione attuale

I dati attuali sulla presenza di palestre e strutture sportive sul territorio nazionale evidenziano la necessità degli interventi con i fondi del PNRR.

Infatti, in Italia in media ci sono quattro palestre ogni dieci istituti scolastici: circa 16 mila su un totale di 50 mila scuole. I dati però sono più allarmanti in alcune regioni, come Calabria e Campania, dove soltanto il 20% delle strutture hanno anche una palestra.

Da questo punto di vista, il PNRR può riuscire a dare nuova linfa agli istituti scolastici e quindi offrire la possibilità di svolgere regolarmente attività fisica e motoria, soprattutto in contesti come la scuola primaria dove verrà introdotta a partire dal prossimo anno scolastico.

 


 

Fonte: Universo Scuola | pubblicato in data