Categorie
News News RSS Tutto Scuola

Chi è il RSPP e qual è il suo ruolo all’interno di un’unità lavorativa?

Cerca nel sito

Il D. Lgs. 81/08 può essere considerato a tutti gli effetti il vademecum principale per quanto riguarda il mondo della sicurezza. Per tale motivo, in esso sono stati individuati tutti gli attori protagonisti della gestione della sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro. Uno di questi è proprio il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP). Tale figura è scelta all’interno del personale dell’unità lavorativa (dunque anche della scuola) e opera di concerto con il Datore di Lavoro nella valutazione dei rischi.

Il RSPP è l’unica persona a dover possedere un titolo professionale e le relative competenze prima di essere nominato, per poter espletare correttamente il suo incarico. In assenza di personale interno qualificato, il Dirigente Scolastico, in qualità di Datore di Lavoro, ha la possibilità di nominare come RSPP un libero professionista esterno esperto in sicurezza e in possesso dei requisiti professionali, secondo quanto stabilito dall’art. 32 del D. Lgs. 81/08. L’affidamento di tale incarico ha carattere fiduciario, poiché si tratta di un compito ad alto contenuto professionale.

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è tenuto a coordinare tutte le figure della sicurezza (preposti/fiduciari, RLS, addetti all’evacuazione, al primo soccorso e all’antincendio) al fine di valutare i rischi e redigere l’apposito documento (DVR). Oltre al Documento di Valutazione dei Rischi, è suo compito stilare un Piano di Gestione Emergenza e segnalare all’Ente Proprietario degli immobili (nel caso delle scuole, Comuni o Provincie) eventuali inadempienze o irregolarità riscontrate durante la valutazione.

Infine, il RSPP partecipa alla Riunione Periodica annuale, in cui si riuniscono tutti i membri del Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) e supporta il Datore di Lavoro nella programmazione della formazione del personale, in riferimento agli obblighi di cui all’art. 37 del Testo Unico.

 


 

Fonte: Tutto Scuola | pubblicato in data