Categorie
News News RSS Universo Scuola

Basta una laurea magistrale per il Concorso DSGA: i titoli ammessi

Cerca nel sito


Manca davvero poco per il decreto ministeriale sul nuovo concorso DSGA. Infatti, il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha ricevuto dal ministero il bando del decreto in modo da esprimere un parere sul merito.
A parte alcuni nodi, come quello che riguarda gli amministrativi facenti funzione, la bozza sembra ormai definitiva compreso l’elenco dei titoli necessari. Se tutto verrà confermato, si attendono soltanto l’ufficialità del concorso e le tempistiche.

Le lauree ammesse per il concorso DSGA

Per iscriversi al prossimo concorso per DSGA serviranno una laurea magistrale, una laurea specialistica o una laurea di vecchio ordinamento. Nello specifico, sono ammesse lauree in:

  • Giurisprudenza;
  • Scienze politiche;
  • Economia e commercio.

Dal momento che sarà possibile fare l’iscrizione con diversi tipi di laurea, è prevista una tabella di equipollenza dei titoli. Su questo punto, si attende il bando definitivo del concorso DSGA per maggiore chiarezza.

Laurea V.O. Equipollente Laurea Specialistica DM n. 509/99 Laurea magistrale DM n. 270/04
Giurisprudenza Scienze politiche;

 

Scienze dell’amministrazione;

22/S Giurisprudenza;

 

102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica;

LMG/01 Giurisprudenza
Scienze politiche Sociologia;

 

Scienze statistiche e attuariali;

Scienze statistiche e demografiche;

Scienze statistiche ed economiche;

Scienze internazionali e diplomatiche;

Scienze della comunicazione;

Scienze dell’amministrazione;

Relazioni pubbliche;

Giurisprudenza.

57/S Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali;

 

60/S Relazioni internazionali;

64/S Scienze dell’economia;

70/S Scienze della politica;

71/S Scienze delle pubbliche amministrazioni;

88/S Scienze per la cooperazione allo sviluppo;

89/S Sociologia;

99/S Studi europei.

LM-87 Servizio sociale e politiche sociali;

 

LM-52 Relazioni internazionali;

LM-56 Scienze dell’economia;

LM-62 Scienze della politica;

LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni;

LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo;

LM-88 Sociologia e ricerca sociale;

LM-90 Studi europei.

Economia e commercio Commercio internazionale e mercati valutari;

 

Discipline economiche e sociali;

Economia assicurativa e previdenziale;

Economia ambientale;

Economia aziendale;

Economia bancaria;

Economia bancaria, finanziaria e assicurativa;

Economia del turismo;

Economia delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni internazionali;

Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari;

Economia e gestione dei servizi;

Economia e legislazione per l’impresa;

Economia marittima e dei trasporti;

Economia per le arti, la cultura e la comunicazione;

Economia politica;

Scienze bancarie e assicurative;

Scienze economiche;

Scienze economiche e bancarie;

Scienze economiche e sociali;

Scienze economico-marittime;

Scienze statistiche e attuariali;

Scienze statistiche e demografiche;

Scienze statistiche ed economiche;

Sociologia.

64/S Scienze dell’economia;

 

84/S Scienze economico-aziendali;

LM-56 Scienze dell’economia;

 

LM-77 Scienze economico-aziendali.

Il nodo degli amministrativi facenti funzione

Una delle criticità segnalate dal CSPI nel suo parere riguarda la questione degli amministrativi che, pur non avendo il titolo per partecipare al concorso DSGA, esercitano da anni le loro funzioni. Si tratta di figure che, spesso per anni, sono state utilizzate quando necessario e che hanno acquisito sul campo l’esperienza di DSGA.
In mancanza di un titolo fra quelli ammessi al concorso, tutto questo personale non potrà partecipare alla selezione. È per questa ragione che alcuni sindacati propongono un concorso riservato per gli amministrativi facenti funzione di DSGA.
Infatti, verrebbe permesso al personale impiegato di non perdere l’esperienza accumulata. Anche su questo punto si attende il decreto ministeriale in cui sarà contenuto il bando definitivo.

Concorso DSGA: prove e punteggi

Nel caso si scelga la strada di un concorso ordinario, al netto dell’eventuale concorso riservato per le figure degli amministrativi, la struttura sarà composta da:

  • prova scritta computer-based di 60 quesiti a risposta multipla, per un massimo di 60 punti;
  • prova orale, per massimo 60 punti;
  • valutazione dei titoli, per 30 punti attribuibili.

Per maggiori informazioni sulle materie e sullo svolgimento delle prove, qui c’è il nostro approfondimento sul concorso DSGA 2021.


 


 

Fonte: Universo Scuola | pubblicato in data