Categorie
News News RSS Universo Scuola

15 ottobre 2021: scatta il Time out per il Green pass

Cerca nel sito


Poche ore separano gli italiani ancora sprovvisti del “lasciapassare sanitario” rappresentato dal Green Pass alla deadline – la data ultima utile all’acquisizione della carta verde. È quanto prevede il nuovo decreto-legge: “Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening“.

Green pass: per chi è previsto l’obbligo

Italia, 12 ottobre 2021: si avvia per molti il countdown nazionale in vista del prossimo 15 ottobre – data limite in cui scatterà l’obbligo di possessione del Green pass sui luoghi di lavori, pubblici e/o privati che siano. A rendere ufficiale la notizia è lo stesso Ministero della Salute che, con decreto varato unanime in seno al Consiglio dei Ministri il 16 settembre, tenta di apporre «un tassello molto importante nella strategia di contenimento al Covid», si legge sulla sezione dedicata del portale ministeriale.

Le istruzioni fornite col decreto riguardano tanto i lavoratori pubblici che quelli dei settori privati e sono tese a estendere l’obbligo della Certificazione verde Covid-19. A partire dal 15 ottobre e fino al termine dell’emergenza sanitaria, dunque, per tutti non sarà più consentito recarsi su alcun luogo di lavoro senza il possesso del Green pass.

Un’app per monitorare l’andamento

Nel frattempo non è da escludersi la possibilità che a partire dal 15 ottobre il Ministero della Salute potrebbe provvedere anche ad istituire apposita app – forse similare al sistema già messo a punto per il personale scolastico – per monitorare l’andamento della situazione pure nei restanti scoparti lavorativi. A partire da questo sistema centrale, dunque, potrebbero diramarsi controlli a campione o test giornalieri, certamente secondo il principio di rotazione ed entro termini numerici del 20%; oppure ancora controlli cosiddetti “a tappeto”.

Per coloro i quali, invece, vorranno ancora avvalersi del sistema dei tamponi, il Ministero avvisa che le misure in merito non subiranno modifica: è fatto valido il Green pass solo per mezzo di tampone molecolare entro le 72 ore precedenti all’esibizione o di test rapido entro le 48 ore.


 


 

Fonte: Universo Scuola | pubblicato in data